Niko Romito e i ristoranti “clonati”

Quando Joël Robuchon è morto nel 2018, il mondo ha pianto uno dei più grandi gastronomi e chef mondiali, un pioniere che per primo ha lavorato sul concetto di replicabilità in cucina, ovvero la possibilità di mangiare esattamente gli stessi piatti in ogni ristorante “firmato” dallo stesso cuoco.

È un concetto che oggi diamo per scontato, ma che ha permesso l’apertura nel corso dei decenni di tante succursali di ristoranti celebri.

In Italia, a portare fieramente questa bandiera c’è Niko Romito, il più stellato nella Penisola, un professionista la cui parabola è resa ancora più interessante dal fatto che è divenuto chef in età adulta, dopo aver abbandonato la sua precedente carriera come broker finanziario.

La formula del Reale, il ristorante originariamente aperto a Rivisondoli, è stata replicata in Italia e all’estero attraverso i locali battezzati Spazio, e a queste aperture multiple Romito ha associato altri due progetti importanti:

  • una scuola di alta formazione per professionisti del settore food
  • un progetto di ristorazione per gli ospedali, dal nome “Intelligenza Nutrizionale”.

Se il primo non è sicuramente inedito, interessantissimo è il secondo percorso, che mette al centro il degente. Romito rimane convinto che mangiare meglio in reparto è esso stesso processo curativo, e questo percorso studiato insieme all’Università la Sapienza di Roma sta studiando le migliori pratiche per mangiare meglio come comunità.

Cosa si mangia da Niko Romito

Lontano dalla cucina-spettacolo che domina le tavole gourmet del mondo, Romito ama la semplicità e spesso impiatta un singolo ingrediente: per esempio la melanzana arrosto, uno dei suoi cavalli di battaglia, o il manzo torbato.

A dominare il menù di Niko sono ingredienti alla portata di tutti, il più delle volte in arrivo dalle campagne intorno a Castel di Sangro, dove ha trasferito il Reale (che qui si chiama Reale Casadonna) nel 2013. La sua parabola straordinaria, unita a prodotti disponibili a tutti, dimostra che l’eccellenza è a portata di mano.